Un calorifero che non emette calore può essere bloccato da una semplice bolla d'aria, ma a volte il problema sta a monte ed è legato alla composizione dell'acqua in circolo nella caldaia. Un'eccessiva presenza di ossigeno nell'acqua causa la corrosione delle tubature, troppo calcare le incrosta, i sedimenti possono aggregarsi in morchie, ovvero fanghiglie che rallentano la circolazione idrica. L'acqua all'interno degli impianti tecnologici necessita di un apposito condizionamento chimico che scongiura eventuali danni all'impianto e ne allunga la vita mantenendone la piena funzionalità. Trattare le acque tecnologiche in modo da garantire l'efficienza degli impianti di riscaldamento e condizionamento è il nostro obiettivo.

Noi di Axotec siamo in grado di risanare gli impianti compromessi: attraverso specifiche analisi sull'impianto, i nostri tecnici rilevano con precisione la causa della disfunzione e intervengono con le soluzioni più appropriate: disincrostazione, filtrazione, addolcimento, defangazione, condizionamento, etc..

Offriamo anche la manutenzione periodica dell'impianto, per verificarne la funzionalità nel tempo e prevenirne il progressivo deterioramento con il relativo corollario di danni e disagi anche economici.

Una buona gestione delle apparecchiature termotecniche sotto il profilo idrico rappresenta, dunque, un sensato investimento che mantiene gli impianti in salute. Così si evitano le spese necessarie all'eventuale ripristino dell'impianto o alla sua sostituzione e si consuma meno, perché un'apparecchiatura funzionale richiede un minor apporto energetico ed è quindi più rispettosa dell'ambiente.

Va tenuto presente che la gestione delle acque tecnologiche non è solo una norma di buon senso, ma è un dovere di legge per alcune categorie professionali come, ad esempio, idraulici, progettisti, amministratori di condominio, etc. Noi di Axotec vantiamo un'approfondita conoscenza dei regolamenti in materia e siamo in grado di supportare chiunque necessiti di una consulenza su questi temi.