Per togliersi ogni dubbio e affrancare da ogni rischio la propria struttura in modo rapido ed economico, ecco un esempio che illustra come risolvere qualunque situazione...

Impianto

Cliente - "Pronto, buongiorno ho la legionella nell'impianto cosa devo fare?"

Axotec - "Buongiorno a lei, possiamo metterle subito a sua disposizione due metodi per eliminare la legionella dall'impianto:

  1. Il primo è la sanificazione shock
  2. Il secondo è la sanificazione in continuo, per un periodo limitato di tempo oppure per sempre.

 

Cliente - "E da cosa dipende la scelta del metodo?"

Axotec - "La scelta migliore dipende da vari elementi:

  • dipende dal tipo di situazione generale che troviamo

  • dal tipo di impianto

  • dal luogo in cui faremo la bonifica

  • dal tipo di utenza

 

Cliente - "Dal tipo di utenza?"

Axotec - "Sì, la legionella ha più probabilità di creare danni alle persone con basse difese immunitarie, ad esempio quando si parla di ospedali o case di riposo per persone anziane, è preferibile un piano di bonifica che preveda un trattamento costante, al di là di un eventuale intervento shock che in alcuni casi è assolutamente necessario. Nel caso di un condominio si può invece prevedere un piano che includa una sanificazione in continuo per un periodo limitato di tempo. Ecco perché è importante avere in mano molti elementi e saperli ben valutare per poter intervenire in modo professionale. Quindi tutto parte dall'analisi del rischio ovvero dal tipo di utenza a cui è rivolto l'impianto."

 

Cliente - "Scusi, ma non capisco una cosa, come mai mi parla di sanificazione in continuo e poi mi dice che è per un periodo limitato? Ma in continuo non significa per sempre?"

Axotec - "In entrambi i casi inseriamo nel circuito un prodotto risanante, in una percentuale abbastanza bassa, che per cui l'acqua rimane potabile. Nel caso si faccia questa intervento per un tipo di utenza non ad alto rischio, l'inserimento continuo del prodotto sanificante può essere limitato ad esempio a due o tre mesi, si stima cioè un tempo ragionevole entro il quale la legionella verrà eliminata, ovviamente la situazione verrà costantemente monitorata. Nel caso di utenza immunodepressa (ospedali etc...) è senz'altro preferibile un intervento continuativo per sempre, vale a dire il prodotto sanificante verrà inserito regolarmente e costantemente nel circuito. In entrambi i casi, nel tempo in cui viene mantenuto funzionante il metodo scelto, è attivo da parte nostra un servizio di controllo e monitoraggio periodico dell'impianto. Verifichiamo infatti che l'impianto stia funzionando correttamente, che vi siano le corrette percentuali di prodotto sanificante nei vari punti del circuito e che ogni elemento del piano di bonifica mantenga alta la propria efficacia."

 

Cliente - "Capisco, ma io mi trovo in una situazione di grande emergenza, abbiamo avuto in pochi giorni diversi casi di persone ammalate di legionella ed abbiamo bisogno di una bonifica immediata e radicale."

Axotec - "Nel suo caso sembrerebbe indicata la bonifica shock."

 

Cliente - "E in cosa consiste?"

Axotec - "Si tratta di un intervento singolo che viene effettuato in un arco di ore molto contenuto, diciamo che in genere si conclude nell'arco di una giornata. A seconda delle sue esigenze possiamo farlo di notte o in giorni festivi, sempre compatibilmente all'emergenza di cui stiamo parlando. In questo caso iniettiamo il prodotto sanificante in alta concentrazione, quindi bisogna avvisare tutta l'utenza che l'acqua in un certo lasso di ore non sarà assolutamente utilizzabile, questo a differenza degli interventi in continuo dove la percentuale ridotta di sanificante permette di bere e utilizzare tranquillamente l'acqua, rimanendo questa potabile. Quando si usa il metodo shock si lascia il prodotto sanificante per un tempo prestabilito all'interno del circuito, dopo di che si risciacqua l'intero circuito per riportare l'acqua ad essere potabile. Ad esempio se si fa di notte potremmo iniziare alle otto di sera, si impiegano due o tre ore per riempire l'impianto con il prodotto sanificante. Poi lo si chiude e nessuno dovrà assolutamente utilizzarlo. Al mattino verso le sei o le sette si ricomincia ad aprirlo facendo il risciacquo completo, che potrebbe durare due o tre ore a seconda dell'impianto e di quanto è grande la struttura. Finito il risciacquo l'acqua sarà nuovamente potabile essendo il circuito risanato e nuovamente utilizzabile da tutta l'utenza."

 

Cliente - "Quindi voi avete un prodotto sanificante per qualunque tipo di esigenza?"

Axotec - "Abbiamo una gamma di possibilità, dipende molto dai tempi che il cliente può mettere a disposizione per la bonifica dell'impianto, dallo stato dell'impianto e da altre variabili che possono emergere per ogni tipo di situazione."

 

Cliente - "Ma io non sono un tecnico, come posso fare l'analisi del rischio o fornirvi i dati necessari per capire come meglio intervenire?"

Axotec - "Naturalmente se vuole facciamo al più presto un sopralluogo da lei e così vediamo meglio di capire insieme la situazione. In genere comunque noi possiamo anche fornire un manuale di autocontrollo, fornendo tutta la consulenza necessaria per realizzare un manuale di autocontrollo, di cui ormai la legge ne prevede l'obbligatorietà. Quindi non si preoccupi perché in questa situazione possiamo assisterla in tutto e per tutto, fornendo come servizio anche la stesura di un manuale di autocontrollo."

 

Cliente - "Quindi se voi uscite e mi bonificate l'impianto potete fornirmi questo manuale di autocontrollo in modo tale che io possa utilizzarlo per tenere sotto controllo la situazione ed evitare in futuro emergenze come quella di oggi?

Axotec - "Sicuramente, nel manuale troverà le procedure da seguire per monitorare l'eventuale presenza legionella nell'impianto, l'elenco dei controlli da fare sull'impianto, eccetera. Potrà quindi scrivere l'esito dei suoi controlli periodici e porre in essere repentinamente le misure più idonee, questo le darà modo anche di essere in regola dal punto di vista legale, cosa di non poco conto quando le persone si ammalano di legionella. Tra l'altro, ad esempio, non tutti gli amministratori di condominio sanno che sono responsabili legalmente per eventuali casi di legionella dovuti al mancato controllo periodico della qualità dell'acqua all'interno degli impianti."

 

Cliente - "Così per sapere, vi occupate solo di legionella o il vostro servizio di bonifica copre altro?"

Axotec - "Siamo pronti a bonificare impianti anche da altri batteri, come ad esempio la pseudomonas, più frequente della legionella e per molti versi più pericoloso della legionella perchè può trasmettersi anche per contatto. Si torna ad esempio a parlare di ospedali in cui i pazienti possono avere delle ferite che, se bagnate con acqua contaminata da pseudomonas, possono portare conseguenze anche molto gravi. Siamo ancora a parlare come esempio di persone che hanno le difese immunitarie basse perché magari, seppur giovani, possono aver subito un intervento chirurgico temporaneamente debilitante."

 

Cliente - "Mi basta, quando potete venire a fare un sopralluogo per farmi un preventivo?"

Axotec - "Va da sé che nel momento in cui usciamo potremo già fare una prima analisi della situazione fornendole degli elementi utili, questo a prescindere dall'assegnazione dell'incarico. Siamo fatti così, quando c'è una situazione di pericolo per la salute delle persone la nostra esperienza ci permette di dare subito qualche buon suggerimento, poi naturalmente le forniremo un preventivo dettagliato in base a quanto la situazione richiede, concordando con lei le modalità della bonifica necessaria."

 

Axotec ha come mission aziendale la rapidità di intervento e la competenza in tutti i casi di rischio legionella, per prevenire e scongiurare una minaccia potenzialmente letale per la vita umana.

Se hai dei dubbi sul tuo impianto, se desideri una verifica, se necessiti di prevenzione o bonifica non esitare a contattarci!

Telefono: 02 89415792 - Modulo contatti
Chiamaci, siamo a tua disposizione!

Desideri ricevere automaticamente le nostre news nella tua casella di posta elettronica? Iscriviti alla Newsletter